Opere giovanili 1961-69

Nel 1959 lascia Rosolini per trasferirsi a Catania e poter frequentare l’Istituto d’arte. La città barocca offre al giovane l’occasione di apprendere non solo le discipline scolastiche dai maestri Giuffrida, Comes e Ranno, ma soprattutto di vivere esperienze di formazione a tutto tondo.

Dalla Città arrivano input di una cultura eclettica e stratificata tra l’archeologico, il Barocco ed il contemporaneo, in cui tutto si mescola aprendo al giovane il segreto della propria visione artistica. In un contesto dove la forza impetuosa dei ricordi natali si fonde al fascino di una Catania da scoprire e da immaginare, nascono i primi lavori che già straordinariamente anticipano il futuro artista.

Il bozzetto per il club di cacciatori, eseguito in classe all’età di quindici anni, è la prima ufficiale dimostrazione figurativa di Antonio Santacroce. Non solo la perizia tecnica, ma è principalmente l’idea che sorprende “una moderna citazione della cultura primitiva”. In un piccolo spazio, il giovane ferma due suggestive azioni pittoriche: quella del riferimento all’originario linguaggio figurativo dell’umanità, che al disegno affidava un valore propiziatorio, tipico della pittura rupestre; quella di rispondere con grande personalità moderna ad una prima commessa, rimanendo coerente al tema della caccia.

Nei due anni successivi brucia le tappe. Studia, si documenta, ma più di ogni altra cosa, osserva. Getta le basi della propria lingua pittorica indagando le possibilità del segno e del colore alle quali sempre attribuisce profondo valore intellettuale. Mentre guarda da lontano il cambiamento dell’arte novecentesca che a grandi falcate procede verso l’antifiguratività, sogna, dipinge e prende a modello quella cultura dell’onirico che con Füssli si era generata. Frutto di un sogno è l’Omaggio a Picasso: egli stesso racconta «una notte sognai che il grande Picasso era a Catania dietro invito di Pino della Selva, un pittore siciliano che viveva a Parigi.» (in Le stanze del Sogno - Edizioni Kalos, 2007)

 
  • Pinterest Icon sociale
  • Facebook Icona sociale

@2018 by Marco Platania